Chi siamo

Laura si avvicina al mondo equestre da bambina grazie all’incoraggiamento del padre, il contesto è quello dell’equitazione inglese e più propriamente del salto ma nel corso del tempo le vicissitudini della vita la portano ad allontanarsi da quella realtà e dai cavalli che ciò nonostante sente parte del suo essere più profondo.
A distanza di anni la vita la conduce  alla riscoperta delle sue radici e di sé e come sempre accade gli Incontri importanti giungono quando il terreno è fertile per accoglierli al fine di generare nuovi frutti. Matura dunque la decisione di abbandonare il classico “lavoro sicuro” per dedicarsi completamente ai cavalli. Tra tutti illuminante è l’incontro con Linda Tellington Jones ed il suo metodo che si distingue per il rispetto dell’individualità ed è volto ad incrementare o a far riemergere l’equilibrio psicofisico del cavallo sia esso in giovane età oppure in fase di rieducazione dopo aver sviluppato problematiche a livello comportamentale.
EQUILIBRIO diviene dunque la parola chiave che induce Laura alla ricerca del benessere del binomio cavallo-cavaliere. L’approccio diviene olistico e tiene in considerazione il cavallo nel suo universo globale. Nel 2012 Laura inizia il suo percorso di studi con Doris Henkel Miano e approfondisce l’utilizzo del metodo BED grazie al quale mediante tecniche come la kinesiologia e l’ascolto muscolo-energetico è possibile individuare i disordini fisici ed energetici del cavallo al fine di ristabilirne
gli equilibri. Ad oggi gli studi proseguono sotto la guida dell’osteopata e kinesiologo francese Jean Michel Saletes sul campo dell’osteopatia fluidica cranio sacrale, un nuovo metodo di terapia cranio vertebro sacrale frutto di una concezione globale olistica che tende a considerare il corpo come un insieme unitario. L’osteofluidica agisce sui 3 piani mentale emozionale e fisico e si basa sul principio che a qualunque squilibrio fisico, psichico o emozionale il corpo reagisce globalmente. Quella di Laura è dunque una ricerca in divenire che giorno dopo giorno le dona piccole e grandi soddisfazioni, prime fra tutte quelle raggiunte ristabilendo armonie perdute tra uomini e cavalli.


Adriano
nasce a Cuneo nel 1968, con la passione innata per tutto ciò che è natura, spazi sconfinati e… cavalli, rimasti peraltro questi ultimi relegati al mondo dei fumetti ed a pochi fugaci incontri durante l‘infanzia.
Fin da ragazzino l’esigenza di Natura lo porta ad avvicinarsi al mondo delle montagne – cosa decisamente semplice grazie al fatto di vivere proprio sotto alle Alpi – diventando in seguito Guida Alpina  e facendo di questo mestiere il proprio modo di vivere. Il mondo dei cavalli, apparentemente lasciato nell’album dei ricordi d’infanzia, ricompare prepotente in occasione di una passeggiata con una cavalla di nome Luna: a partire da questo momento la voglia di capirne di più diventa preponderante, un po’ come in montagna è la curiosità di scoprire “cosa c’è dietro” a far salire in alto.
L’incontro con numerosi maestri non fa che acuire questa esigenza di conoscenza, passando così dall’equitazione inglese a quella western, dai metodi di doma tradizionale all’approccio etologico, vivendo (in occasione di viaggi come guida in giro per il mondo) numerose esperienze con popoli che ancor oggi fanno del cavallo un mezzo di sussistenza.
La nascita di Tetto Dolce, risalente al 2003 e dopo breve tempo condiviso con Laura nella vita quotidiana, è stata in fondo la risposta al bisogno di vivere la Natura, gli spazi ed i cavalli in maniera integrale, un’occasione per sperimentare e per poter soddisfare in ogni istante la sete di conoscere, un’opportunità per imparare, crescere e sognare ogni giorno.